Translate

lunedì 26 luglio 2010

[R.R.S. Italy] Dom. 25 Luglio 2010



Every Sunday night Vitowar spinning the best in jamaican music

From 11.30 P.M to 06.30 .M.

Track list

11.30 p.m - 02.00 a.m.

la track list non è disponibile perche nella prima parte sono stati

ospiti artisti e promotori di reggae festival in Italia

The track list is not available because the first part were guests

artists and promoters of reggae festivals in Italy

DOWNLOAD @

RAPIDSHARE

MEGAUPLOAD

Z-SHARE


02.00 A.M - 03.20 A.M.

Vitowar present the story of Jamaican Music

Super big selection to CALTONE Label (part one)

{{{{ ROCK STEADY TIME}}}

Crying Over You - The Heptones
Rude Boy Confession - The Emotions
Get On The Ball - Roy Shirley & The Caltone Studio Orchestra
Sound And Soul - Johnny Moore With Tommy & The Supersonics
The Chase - Yvonne Harrison With Tommy & The Supersonics
It's Alright - The Tartans & Tommy's Band
Dreader Than Dread - Honeyboy Martin & The Voices
Don't Want To Let You Go - Max Romeo & The Emotions
The One I Love - Ken Boothe With Tommy & The Supersonics
Do It To Me baby - Lloyd Jackson & The Groovers
Retun Home - Alva Lewis
Listen To The Music - Lloyd Jackson & The Groovers
Baby Baby - The Clarendonians & Tommy's Band
Awake The Town - The Tartans
The Brush - Lynn Taitt & The Jets
No Use To Cry - The Emotions & Tommy's Band
You Left The Water Running - Ken Boothe With Tommy & The Supersonics
I Used To Be A Fool - Milton Boothe & The Lynn Taitt Band
Careless Hands - The Emotions
Dirty Dozen - Vincent Gordon & The Lynn Taitt Band
Your Love - Peter Austin
No One To Give Me Love - Larry Marshall & Peter Austin
Reach Out For Me Girl - Phil Pratt & The Lynn Taitt Band
What Kind Of Man - The Cool Cats & The Lynn Taitt's Band
Little Things - Helmsley Morris & The Lynn Taitt Band
I'm Restless - The Thrillers & The Lynn Taitt Band

03.20 A-M - 04.30A.M

Vitowar select Promo song

Inna Heavy Rotation

[various] Hustlin Riddim Dj Lock Steady Medley Mixx

[Peetah Morgan] Di Government

[anthony cruz] Back Downtown

[Ras Ghandi] Caan Roll

[killacat] Il Re

[peersonile] bubble dat thing

[i eye] I Know

[busy signal] busy latino

[Tifa] Nah Stop Shine

[Sean Paul] Beat Of My Heart

[Toussaint] Roots in a Modern Time

[mamadee] See me

[shaggy & b.levy] Only U

[courtney john] All In This Together

[tiffa] Next Man Money

[gyptian] Nah Let Go

04.30 A.M - 06.30 A.M.

Vitowar Inna Free selection

Contact :

REGGAE RADIO STATION ITALY

c/o Vitowar

Via Soperga 57

20127 Milano

ITALIA

www.vitowar.it

www.reggaeradiostation.it

account skype - vitowar -

info@vitowar.it


martedì 20 luglio 2010

ALBOROSIE ON THE ROCK



Sembrava una scommessa impossibile ma l’ “Escape From Babylon” (questo il titolo del suo ultimo lavoro discografico) è pienamente riuscito, almeno nei termini nei quali lui lo aveva immaginato.


Il protagonista di questa parabola si chiama Alberto D’Ascola ma tutti lo conosciamo come Alborosie.

Coltivare la sua passione musicale per diventare un artista affermato in Italia, poi rinunciare a tutto per ritrovare se stesso e la vena creativa in Jamaica, farsi accettare dalla gente dell’isola, ritornare in studio di registrazione, fare uscire ispiratissimi singoli, condensarli in un primo istintivo e ottimo album “Soul Pirate”, girare il mondo con la sua band jamaicana, firmare con una grande etichetta discografica (la Greensleeves), diventare uno degli artisti della scena reggae internazionale più conosciuto.


Sono quattro anni che Pupa Albo non si ferma e cavalca l’onda di un successo che continua a crescere. Eccolo quindi di nuovo on stage per un lungo tour che toccherà molti paesi europei con l’artista che parteciperà a diversi importanti festival come il Sardinia Reggae Festival dove suonerà il 2 agosto.


E ancora all’Uppsala e alla versione spagnola del Rototom Sunsplash. “Escape From Babylon” è uno degli album che ha venduto di più in questi ultimi anni, con la ristampa per la VP Records Albo è entrato con la sua musica anche negli Stati Uniti dove lo scorso inverno è stato impegnato in diverse date.


Un’accoglienza legittima per un disco che non trascura nessun particolare curato come è in ogni piccolo dettaglio. Eppure c’è stato chi ha parlato di un Alborosie diverso, meno spontaneo e più teso ad una legittimazione commerciale. Di certo “Soul Pirate”, l’album di debutto, è più immediato e ricco di spunti interessanti, da contrapporre ad una certa prevedibilità e mancanza di sperimentazione del successore, che sceglie lidi sicuri nei quali approdare.


Logico che in questo 2010 Alborosie abbia limitato le nuove uscite, anche se non è mancata qualche interessante novità soprattutto nel campo delle collaborazioni. Parto proprio da “Ganjah Don”, canzone che il singer condivide con l’artista tedesco Jah Sun. Possiamo considerarla una sorta di seguito di “Herbalist”, in questa infatti si seguiva il percorso che la ganja fa una volta raccolta in Jamaica, denunciandone la grande sperequazione dei guadagni, alti per la malavita organizzata, irrisori per i poveri contadini.


In “Ganjah Don”, sostenuta da una possente base dancehall, i due artisti si trasformano nei “don” della situazione, impegnati nello spaccio planetario della preziosa erba. Il video diretto da Tim Cash è ben curato e il brano sembra essere un successo annunciato. Nello scorso mese di marzo è uscito su etichetta John John il Zion Gate riddim, che prende spunto dall’omonima canzone del grande Horace Andy. Sulla base troviamo anche Alborosie, che realizza una version davvero molto bella dal titolo “Rudie Don’t Fear”. Nel testo la voglia di restare se stessi senza avere mai paura.


Per finire Pupa Albo ritorna a sposare la solare voce di I-Eye nel tenero brano “I Surronder Your Love”, dopo che i due aveva già cantato insieme in “Mama She Don’t Like You”.

MR BIGGA



lunedì 19 luglio 2010

[R.R.S.Italy] Dom 18 Luglio 2010



Every Sunday night Vitowar spinning the best in jamaican music

From 11.30 P.M to 06.30 .M.

Track list

11.30 p.m - 02.00 a.m.

[SUN SOOLEY] – hungry mounths

[SUN SOOLEY] – one day inna babilon

[JAH SUN & ALBOROSIE] – ganjah don

[SHAGGY & ALAINE] – for you eyez only

[BUSY SIGNAL] – busy latino

[ZULI] – fa caldo

[BRUSCO] – land pon me

[GIULIANO PALMA] – wonderfoul life

[GYPTIAN / VYBZ KARTEL] – hold you remix

[CECILE] – take my hearth

[BUSHMAN] – fire burn a weak hearth

[ANTHONY B] – praise the king

[I EYE] – i know

[GREGORY ISAACS] – yhe phillistines

[PETAH MORGAN] – my makeda

[LUCIANO] – moving on

[KRIKKA REGGAE] – quand ‘n vuò

[BERES HAMMOND] – no aplogize

[SANCHEZ] – who am i whhitout you

[RAS TEWELDE] – mama africa

[QUARTIERE COFFE] – traffic stop

[NEFFA & MARJAS] – sexy love

[DAMIAN MARLEY & NAS] – as we enter

[GAPPY RANKS] – longtime

[ROMAN VIRGO] – love doctor

[MOVADO] – change right now

[MR WILLIAMZ] – london

[ZIGGI] – beddest

[SUGAR MINOTT & BEENIE MAN & JC LODGE] – ruff neck lover

[FEMI KUTI] – you better ask yourdelf REMIX

DOWNLOAD @

RAPIDSHARE

MEGAUPLOAD

Z-SHARE

02.00 A.M - 03.00 A.M.

dj Chemikangelo Present :

"I'm Your Dub Provider" mix 01

Tracklist:
01 Misty In Roots - Can't stand it no more
02 Boozoo Bajou - Divers
03 Prince Far I - Quantè Jubila
04 The Aggrovators - The mighty Gorgon
05 Bunny Wailer - Burial dub
06 The Mysterious Mixer - Dub star
07 The Ruts - Babylon's burning (Groove Corporation rmx)
08 The Rootsman - Rougher than a lion
09 King Tubby - Bag a wire dub
10 Orange Street - Side ruddock
11 Groundation - Feel Jah's dub
12 Almamegretta - O sciore cchiu' dub
13 Linton Kwesi Johnson - Bitch dub
14 Dub Syndicate - Wadada (means Love) pt.2
15 Bim Sherman - Simple life (Adrian Sherwood rmx)
16 Culture - Iron sharp
17 Burning Spear - Peaceful dub

http://soundcloud.com/chemikangelo/im-your-dub-provider-mix-01-july-2010

03.00 A-M - 06.30 A.M

Vitowar Inna Free selection

Contact :

REGGAE RADIO STATION ITALY

c/o Vitowar

Via Soperga 57

20127 Milano

ITALIA

www.vitowar.it

www.reggaeradiostation.it

account skype - vitowar -

info@vitowar.it

cell-phone +39 335.6152505

lunedì 12 luglio 2010

[R.R.S.Italy] Dom 11 Luglio 2010







Every Sunday night Vitowar spinning the best in jamaican music

From 11.30 P.M to 06.30 .M.

Track list

11.30 p.m - 02.00 a.m.

[SUGAR MINOTT] – vanity

[SUN SOOLEY] – by side

[SUN SOOLEY] – justice

[SKARDY] – fame un spritz

[LUCIANO] – u.s.o.a.

[LUCIANO] – moving on

[SHAGGY & ALAINE] – for yur eyez only

[GYPTIAN] – seek jah

[ROMAN VIRGO] – taking you home

[MR VEGAS] – sweet jamaica

[JAH SUN & ALBOROSIE] – ganja don

[DON CARLOS] – from creation

TRIBUTE TO SUGAR MINOTT R.I.P.

JAHOVIAH

GIVE A AND

PLEASE BE TRUE

HANG ON NATTY

JAH JAH CHILDREN

LEAD US FATHER

DANCEHALL STYLE

NICE IT UP

[BOST AND BIM] – you better ask yourself RMX

[BOB MARLEY & GURU] – johnny was RMX

[RAS MELODY] – tell me now

[BOO BOO VIBRATION & ALBOROSIE] – rumors

[NYABINGI BAND] – freedom

[ANTHONY B] – praise the king

[BUSY SIGNAL] – gal dem song

[GYPTIAN & VYBZ KARTEL] – hold you remix

[VARIOUS] – mama africa riddim medley

[VARIOUS] – party time riddim medley

DOWNLOAD @

RAPIDSHARE


MEGAUPLOAD


Z-SHARE


02.00 A.M - 06.30 A.M.

VITOWAR inna free selection

Non stop reggae vibes

Contact :

REGGAE RADIO STATION ITALY

c/o Vitowar

Via Soperga 57

20127 Milano

ITALIA

www.vitowar.it

www.reggaeradiostation.it

account skype - vitowar -

info@vitowar.it

cell-phone +39 335.6152505

domenica 11 luglio 2010

ROMAIN VIRGO, L’ASCESA DI UN GIOVANE SINGER



L’ancora breve storia artistica di Romain Virgo è già contraddistinta da piccoli ma significativi record, a partire dall’essere stato il più giovane vincitore del famoso Digicel Rising Star nel 2007 ad appena 17 anni.


Già da allora il talento di Romain sorprende e appassiona il pubblico, a partire dalla voce calda e sensuale come quella dei migliori interpreti jamaicani. Da quel momento due anni continuamente sulla cresta dell’onda con una serie di hits che ancora oggi si ascoltano sulle più importanti radio dell’isola


Il singolo che lo ha consacrato è di certo “Can’t Sleep”. Fondamentale per il giovane singer è l’incontro con l’esperto e bravo produttore Donovan Germain, sul suo Automatic riddim nasce infatti un altro successo, “Love Doctor” al quale subito segue “I Wanna Go Home”.. Per il momento è l’amore il tema principale delle lyrics di Romain Virgo, anche se ben presto arriveranno canzoni socialmente più impegnate. Nel frattempo il protagonista di questa storia non rinuncia alla studio e proprio nel momento cruciale per la sua carriera riesce anche ad ottenere il diploma in Arti Visive all’Edna Manley College.


Oggi Romain Virgo è uno dei giovani più promettenti e questo ben lo sanno i responsabili della VP Records che l’hanno messo subito sotto contratto per realizzare l’atteso album di debutto. Sulla scelta del titolo si è deciso di battezzarlo così come lo stesso artista. Naturalmente al suo interno troviamo i brani già citati, oltre a qualche altra hit che nel frattempo è uscita, in primis “Who Feels It Knows” sul bellissimo Serve And Protect riddim ancora della Penthouse di Donavan Germain. Il testo è uno dei più belli dello scorso anno, protagonista è il popolo, quello che ogni giorno si alza e affronta le fatiche della vita in maniera onesta e con Jah nel cuore



Inoltre nell’album la tune viene arricchita dalla bella voce di Etana. “Live Mi Life” è uno dei singoli più recenti sul Boops riddim, mentre “No Money” è la potente traccia che sta spingendo l’intero disco nella fase di promozione. Anche in questo caso siamo di fronte ad un testo molto ispirato ed attuale, in esso la situazione nella quale sempre più jamaicani vengono coinvolti a causa della crisi economica, della perdita dei posti di lavoro e dell’aumento dei prezzi.

Come succede in molti album c’è una certa varietà sonora, anche se il new roots venato di lovers style predomina come dimostrano pezzi quali “Walking Out Of You”, “Dark Skin Girl”. ”I’m Doing Good” è la conclusione soffice e tenera dell’album, alla voce di Romain Virgo si affianca quella di Cameal Davis. In definitiva un ottimo esordio per un artista che ha tutte le carte in regola per affermarsi anche nel resto del mondo, come dimostra il sorprendente successo che l’album sta ottenendo negli Stati Uniti a poche settimane dell’uscite.



Sottolineo infine altre due interessanti tunes che Romain Virgo ha fatto uscire in questa prima parte del 2010 a partire da “Ghetto” sul rinato Stagalag riddim e la “dancehall oriented” “Watch Over Me” sul Demage Control riddim, entrambe produzioni targate Juke Boxx.

MR BIGGA

LE TRE ANIME DI KARTEL



Tralasciando le attuali vicende giudiziarie che lo riguardano, voglio provare in questo articolo a cogliere i tre aspetti fondamentali che caratterizzano un personaggio così controverso come Vybz Kartel.
Sono tre anime musicali che si contrappongono e sovrappongono lasciando smarriti gli stessi fans. Lascivo, modaiolo e profondo, questi i tre temi principali che è possibile trovare nei testi del deejay jamaicano nato nel Portland il 7 gennaio del 1976. Di certo l’aspetto che più mi appassiona di Kartel è quel modo tutto suo di scrivere “reality tunes”, capace di cogliere come pochi gli aspetti della vita del ghetto, i sogni e le sofferenze, l’arrendevolezza e la voglia di riscatto, la violenza e la convivenza.
Sfaccettature che solo chi vive in quel contesto può raccontare come frammenti di vita vissuta, Anche il 2010 si è aperto nel suo nome, dopo che lo scorso anno era stato monopolizzato dalla reale o costruita rivalità con Mavado. Un capitolo chiuso dopo che le schermaglie reciproche hanno occupato i tabloid non solo jamaicani, uno scontro che ha scomodato il governo ed eminenti professori universitari, pronti a cogliere in questo duello la maggior causa dei problemi jamaicani.
Nel frattempo il deejay collezionava hit dopo hit, da “Love Dem” a “Life We Living”, da “Bycicle” a “Like A Movie”.Di certo qualcuno potrebbe obiettare che in questi tre aspetti manca quello che inneggia alla violenza, che comunque ha caratterizzato una parte consistente del repertorio di Kartel e che solo in questo anno è progressivamente scomparso. Nel frattempo la sua creatura denominata Portmore Empire ha subito diverse defezioni anche traumatiche come quella di Black Ryno e quelle invece più colorite di Lisa Hype e Gaza Indu, alle quali è subentrata la sola e bella Gaza Slim.
Ma torniamo ai giorni nostri e parliamo del deejay che crea tendenza non solo tra i giovani jamaicani. La hit più grande di Kartel nel nuovo anno è senza dubbio “Clarks”, brano dedicato alle famose scarpe che tanta tendenza crearono nei “rude boys” jamaicani sin dalla fine degli anni ’60, prima di esplodere anche in Inghilterra. Non è un caso che il prestigioso quotidiano Guardian abbia dedicato un intero articolo alla tune. Una canzone che il deejay ha scritto sull’onda della passione che nutre per questo modello di scarpe prodotto da una piccola ditta a conduzione familiare, tanto da affermare di possederne 50 paia.
Il video e l’enorme diffusione che la canzone ha avuto in radio hanno fatto il resto, le scarpe sono ritornate velocemente di moda, i negozianti hanno raddoppiato i prezzi e molti ladri hanno assaltato vetrine e ragazzi inermi per assicurarsi il feticcio modaiolo. E’ giusto infine dire che su “Clarks” appaiono anche Gaza Slim e Popcaan.e che a produrlo è Russian. E’ stato così vasto il successo che nel giro di pochi mesi sono usciti anche “Clarks Again” e “Clarks 3”, prima che l’accoppiata Russian Ksrtel ci riprovasse di nuovo con la recente “ Straight Jeans ‘n Fitted”. Più sotterraneo il repertorio che potrebbe essere catalogato sotto l’inequivocabile sigla “XXX”.
E’ il Kartel a luci rosse, quello che cacciato dalla porta rientra dalla finestra. Per il nuovo regolamento che stabilisce quali sono i criteri che una canzone deve avere per essere trasmessa nelle radio jamaicane, queste “hot tunes” sono immediatamente scartate. Poco male perché nel circuito parallelo delle danz e in particolar modo dei go go club (versione jamaicana dei night club) queste tunes dal contenuto chiaro ed esplicito si ritagliano il loro piccolo pezzettino di gloria. Tra le ultime basta ricordare “Beg Yuh A Fuck”, “Me Love U Bad”, il manifesto “Me Love Pussy Forever” e la famosissima “Rompin’ Shop” (non dimentichiamo per lo scorso anno “Verginity” e “Come Tek Cocky”). Questi brani insieme a quelli di matrice più violenta hanno di certo contribuito a costruire un’immagine molto negativa dell’artista, che nonostante sia una star nel proprio paese riesce difficilmente ad esibirsi all’estero e quando ci prova scattano immediati i boicottaggi come è successo qualche mese fa a Grenada.
E passiamo infine al Kartel serio ed impegnato, lo stesso che in una sua recente tune dice “Where Is The Love For The Black Child”, brano contenuto anche nel suo ultimo album “Pon Di Gaza 2.0”. Ma soprattutto è il Kartel di “Life We Living”, “ghetto anthem” profondo ed emozionante nel quale un padre si chiede come mandare un figlio a scuola o farlo vivere quando non ci sono soldi, con i politici che con falsi e ipocriti sorrisi cercano di comunicare un ottimismo che può andare bene solo per le loro corrotte tasche. Un brano davvero bello che mette in mostra anche le capacità del deejay di scrivere testi come pochi sanno fare.
Ho sempre pensato che Kartel lo si può criticare, ma l’errore che è stato commesso su questo artista è che i giudizi sono sempre stati estremi sia in senso positivo (chi lo vede come un Dio) sia in senso negativo (chi lo vede come un diavolo). Invece Kartel è solo espressione di un popolo che vive grandi contraddizioni, che fa fatica a rispecchiarsi nelle sua storia e nelle sue radici, un popolo che guarda all’Occidente e cerca di imitarlo nei suo aspetti più deteriori. Questo filone di “reality song” ha inoltre creato a mio avviso una terza strada per la musica jamaicana fatta di ballad elettroniche che di certo non possono definirsi dancehall.
“Thank You Jah” uscita ad inizio di questo anno ha ancora un testo sofferto con barlumi di speranza. Alzarsi la mattina e rivolgersi a Dio nella speranza di giorni migliori, speranza subito vanificata dalla realtà che li circonda fatta di povertà in strada e promesse mai mantenute come quella di assicurare un’educazione gratuita ai giovani. Meno ombre e più luci in “Realize”, altro brano recente dell’artista per la Dinasty Records. Qui viene fuori la voglia di riscatto consapevole che la volontà e la determinazione possano far realizzare i sogni, proprio come ha insegnato la figura materna che dice ai figli che “l’unico limite è il cielo”. Spero sia stato quantomeno interessante parlare di una figura così complessa come quella di Vybz, che ancora sedicenne ha dato segnali di squilibrio facendosi espellere dalla scuola e che ha trovato nella musica la via del riscatto e dell’affermazione.
Non è un caso che il primo nome artistico che sceglie è Pablo Escobar, noto narcotrafficante colombiano ricercato all’epoca dagli Stati Uniti che con similitudini con quanto successo per Dudus scatenarono una vera e propria guerra per catturarlo. E’ il 1993 quando registra il suo primo singolo dal titolo “Love A Fat Woman”, prima di affiancare Bounty Killer scrivendo per lui alcuni testi. Con “The Warlord” sappiamo tutti come è andata a finire, le strade hanno preso percorsi diversi quando Kartel ha deciso di lasciare l’Alliance per formare il suo Portmore Empire. Poi un’innumerevole e incredibile serie di hits che fanno del deejay l’artista che più volte è stato al primo posto in classifica in questi ultimi 20 anni, primato che gli contende il solo Elephant Man.

MR BIGGA

giovedì 1 luglio 2010